Una storia di alluvioni in Italia (1951-2018)

on Novembre 19 | in focus | by | with Commenti disabilitati su Una storia di alluvioni in Italia (1951-2018)

Le inondazioni sono eventi diffusi e frequenti in Italia, e causano vittime e danni rilevanti ogni anno. Malgrado la loro diffusione, le problematiche connesse a tali calamità restano sconosciute alla maggioranza dei cittadini che mostrano, inoltre, una scarsa percezione dei rischi geo-idrologici a cui sono soggetti. Questa realtà contrasta con l’alta frequenza con la quale gli eventi di frana e di inondazione si sono succeduti in passato, e per i quali esiste, in Italia, una notevole quantità di informazioni storiche censite nel tempo, organizzate in archivi digitali e pubblicate in rete attraverso siti dedicati e portali geografici. Le informazioni raccolte riguardano sia gli aspetti fisici legati alle dinamiche dei processi naturali, sia i danni e gli impatti socio-economici da essi prodotti.

Gli eventi di seguito elencati sono solo alcuni tra i più tragici che si sono succeduti in Italia dal 1950. Essi rappresentano una visione solo parziale del reale effetto causato sulla popolazione, ma possono raccontare aspetti poco conosciuti alla maggior parte della popolazione, e offrire più di uno spunto di riflessione sui possibili impatti futuri di potenziali eventi.

 

ELENCO DELLE REGIONI COINVOLTE DALLE ALLUVIONI E DALLE INONDAZIONI

22/10/1951 - Calabria - 68 MORTI
22/10/1951 Calabria

In quattro giorni sono caduti 1770 mm di pioggia.
Frane e inondazioni hanno causato oltre 6700 tra sfollati e senzatetto.

 

14/11/1951 - Polesine - 101 MORTI

14/11/1951 Polesine

Sono straripati il Po e i suoi affluenti.
Le acque hanno sommerso i due terzi della provincia di Rovigo.
Vai all’articolo

 

19/09/1953 - Provincia di Genova - 10 MORTI

19/09/1953 Provincia di Genova - 10 Morti

Esondazione del torrente Bisagno e del Trebbia.

 

21/10/1953 - Provincia di Reggio Calabria - 101 MORTI

21/10/1953 - Provincia di Reggio Calabria - 101 MORTI

La fiumara Valanidi ha raggiungo portate di almeno 420 mc/sec. Valore puntuale di pioggia 82,6 mm/h. La disastrosa azione del nubifragio ha causato frane e la piena di tutti i corsi d’acqua calabresi, con gravissimi danni all’agricoltura, al patrimonio zootecnico, ai centri abitati e alle infrastrutture.

 

25-26/10/1954 - Provincia di Salerno - 325 MORTI

25-26/10/1954 - Provincia di Salerno - 325 MORTI

In meno di 24 ore sono caduti più di 500 mm di pioggia.
I torrenti hanno trascinato via ponti, strade e case. Numerose frane.
Spazzato via il villaggio di Molina.

 

05/09/1959 - Ancona - 10 MORTI

05/09/1959 Ancona - 10 Morti

In pochissimi minuti le strade delle colline su cui si adagia la città sono diventati torrenti limacciosi che hanno provocato gravi danni soprattutto a livello infrastrutturale.

 

23-25/10/1959 - Zona del Metapontino - 12 MORTI

23-25/10/1959 Zona del Metapontino - 12 MORTI

In questa zona sfociano 5 fiumi lucani, quando sono in piena e al contempo il vento soffia verso terra, enormi masse d’acqua inondano una fascia larga 20 km caratterizzata da un’intensa attività agricola.

 

04/11/1966 - Italia nord-orientale - 87 MORTI

04/11/1966 - Italia nord-orientale - 87 MORTI

Esondazione di tutti i fiumi del bacino dell’Adige: numerosi centri urbani sott’acqua, decine di kmq di campagna sommersa; gravissimi danni ovunque. A Venezia acqua alta record a 194 cm.
Vai all’articolo

 

04/11/1966 - Toscana e Firenze - 47 MORTI

04/11/1966 - Toscana e Firenze - 47 MORTI

Straripamento dell’Arno e dei corsi d’acqua del bacino. Danni incalcolabili alle opere d’arte custodite nella città di Firenze.
Vai all’articolo

 

03/11/1968 - Biellese - 83 MORTI

03/11/1968 - Biellese - 83 MORTI

Sommersi interi paesi. Frane e inondazioni hanno causato la distruzione di edifici e fabbriche con pesanti ricadute sull’occupazione.

 

07/10/1970 - Genova e provincia - 48 MORTI

07/10/1970 - Genova e provincia - 48 MORTI

Piogge molto intense e localizzate, misurate in circa 900 mm/24h, hanno colpito la città di Genova e altri comuni della provincia, causando gravissimi danni.

 

05/11/1976 - Trapani - 18 MORTI

05/11/1976 - Trapani - 18 MORTI

Un’alluvione si è abbattuta sulla città e dintorni. I danni stimati ammontano a decine di miliardi di lire.

 

09/08/1978 - Val d’Ossola - 19 MORTI

09/08/1978 - Val d’Ossola - 19 MORTI

Un’alluvione si è abbattuta sulla Val d’Ossola. I danni sono stati stimati in oltre 50 miliardi di lire
Vai all’articolo

 

18/07/1987 - Valtellina - 23 MORTI

18/07/1987 - Valtellina - 23 MORTI

A causa di forti e persistenti precipitazioni vi è stata l’esondazione del fiume Adda e di altri corsi d’acqua del bacino. Si sono verificate numerose frane che hanno causato la maggior parte delle vittime.
Vai all’articolo

 

28/07/1987 - Val Pola - 28 MORTI

28/07/1987 - Val Pola - 28 MORTI

A causa delle precipitazioni dei giorni precedenti una gigantesca frana è precipitata nell’alveo del fiume Adda, formando uno sbarramento.
Vai all’articolo

 

06/11/1994 - Piemonte - 71 MORTI

06/11/1994 - Piemonte - 71 MORTI

Per un’ondata di maltempo sul nord-ovest alluvioni e straripamenti devastano la regione, in particolare le province di Asti e Alessandria.

 

19/06/1996 - Versilia e Garfagnana - 14 MORTI

19/06/1996 - Versilia e Garfagnana - 14 MORTI

Una cella temporalesca ha scaricato 474 mm di pioggia in 12 ore, causando danni gravi nei centri abitati lungo i torrenti Vezza e Turrite di Gallicano.
Vai all’articolo

 

05/05/1998 - Sarno - 160 MORTI

05/05/1998 - Sarno - 160 MORTI

Causate piogge persistenti, alcune colate hanno raggiungo Sarno e altri centri abitati nelle province di Avellino e Caserta.
Vai all’articolo

 

10/09/2000 - Soverato - 13 MORTI

10/09/2000 - Soverato - 160 MORTI

Straripamento del torrente Beltrame, le cui acque hanno travolto il campeggio Le Giare, situato nel suo alveo.
Vai all’articolo

 

13-16/10/2000 - Italia nord-occidentale - 23 MORTI

13-16/10/2000 - Italia nord-occidentale - 23 MORTI

L’evento ha interessato le regioni Valle d’Aosta, Piemonte e Lombardia, causando numerosi fenomeni di dissesto geo-idrologico e danni molto ingenti

 

01/10/2009 - Provincie di Messina - 37 MORTI

01/10/2009 - Provincie di Messina - 37 MORTI

A causa delle forti piogge e del dissesto idrogeologico della zona, si sono generate colate detritiche che hanno travolto numerose abitazioni tra Giampilieri Superiore e Scaletta Zanclea.
Vai all’articolo

 

25/10/2011 - Lunigiana e Cinque Terre - 13 MORTI

25/10/2011 - Lunigiana e Cinque Terre - 13 MORTI

Intense precipitazioni hanno causato frane e inondazioni in diversi centri abitati delle due aree con danni per circa 30 milioni di euro.
Vai all’articolo

 

04/11/2011 - Genova - 6 MORTI

04/11/2011 - Genova - 6 MORTI

Le intense precipitazioni hanno causato la piena dei fiumi di Genova, in particolare del Fereggiano, che hanno trasformato le strade in torrenti.
Vai all’articolo

 

18/11/2013 - Sardegna - 18 MORTI

18/13/2013 - Sardegna - 18 MORTI

Un evento meteo di forte intensità ha colpito in particolare le province di Olbia-Tempio, Nuoro, Oristano e Cagliari, con misure di pioggia che hanno raggiunto i 385 mm/24h.
Vai all’articolo

 

10/09/2017 - Livorno - 8 MORTI

10/09/2017 - Livorno - 8 MORTI

Piogge intense hanno causato lo straripamento del rio Maggiore e del rio Ardenza.
Vai all’articolo

 

19/08/2018 - Forra del Raganello - 10 MORTI

19/08/2018 - Forra del Raganello - 10 MORTI

Una comitiva di turisti è stata travolta dalla piena improvvisa del torrente Raganello in provincia di Cosenza.
Vai all’articolo

 

03/11/2018 - Provincia di Palermo - 13 MORTI

31/11/2018 - Provincia di Palermo - 13 MORTI

Piogge intense hanno causato lo straripamento del fiume Milicia e altri corsi d’acqua nella provincia di Palermo e alcune frane.
Vai all’articolo

 

 

 

SCARICA IL PDF

 

 

 

Comments are closed.

« »