Le vittime delle colate rapide del 5 maggio 1998 in Campania

on Maggio 4 | in focus | by | with Commenti disabilitati su Le vittime delle colate rapide del 5 maggio 1998 in Campania

di Cinzia Bianchi e Giuseppe Esposito

Uno degli eventi geo-idrologici più devastanti in termini di perdita di vite umane accaduti in Italia nel XX secolo è quello che il 5 maggio 1998 colpì un’area della Campania compresa tra le province di Salerno, Avellino e Caserta.
Anche se nella memoria collettiva questo viene ricordato come l’evento di Sarno, nella cui frazione di Episcopio si ebbe la stragrande maggioranza di vittime, in realtà gravi perdite si registrarono anche a Siano e Bracigliano (SA), Quindici (AV) e San Felice a Cancello (CE).
Tutti questi centri abitati vennero investiti da colate rapide di fango, innescate da piogge persistenti anche se non particolarmente intense, che con diversi impulsi a partire dal primo pomeriggio del giorno 5 si riversarono lungo le strade e sulle abitazioni. Per le caratteristiche geomorfologiche dell’evento si rimanda al focus “Le colate rapide di Sarno del 1998”.
Il bilancio fu gravissimo: complessivamente persero la vita 160 persone, 137 delle quali a Sarno, 11 a Quindici, 6 a Bracigliano, 5 a Siano e 1 a San Felice a Cancello. Delle 137 vittime di Sarno, 136 sono decedute nella frazione di Episcopio, ed una nella zona di Via Sant’Eramo.
Molto si è detto e scritto sulla gestione dell’evento, caratterizzata da errori e sottovalutazioni che contribuirono ad aumentare il numero delle vittime. Come ebbe a dire ai microfoni di Tg2 Dossier il PM Amedeo Sessa Sostituto Procuratore di Nocera Inferiore, titolare dell’inchiesta sul disastro, sarebbe infatti bastato disporre l’evacuazione della popolazione di Episcopio anche solo alle 23.40, comunque molte ore dopo l’inizio dei fenomeni e con parecchie persone già decedute o disperse, per avere salve tutte le vittime procurate dalle ultime colate di mezzanotte, ossia una novantina.
Per non aver ordinato né eseguito tali evacuazioni, nel 2013 l’ex sindaco di Sarno Gerardo Basile è stato condannato in via definitiva a cinque anni.
In occasione del ventitreesimo anniversario sono state effettuate alcune ricerche focalizzate, più che sull’evento in sé, sull’impatto che questo ebbe sulla popolazione e quindi sulle vittime da esso causate.
Il lavoro svolto ha permesso di raccogliere notizie abbastanza circostanziate utili ad associare a tutte le vittime nome, cognome ed età e, per molte di loro, a stabilire con esattezza il luogo e le circostanze del decesso.
Da una prima analisi dei dati disponibili si osserva che, fra tutte le 160 vittime, 88 (55%) sono di genere maschile e 72 (45%) di genere femminile, percentuali in linea con le statistiche nazionali calcolate per il cinquantennio 1971-2020.
Distinguendo per età, emerge che hanno perso la vita 5 bambine e 15 bambini fino ai 10 anni, tra i quali una femmina ed un maschio di tre e otto mesi rispettivamente. Nella fascia degli adolescenti e ragazzi (tra gli 11 e i 19 anni) si sono registrate 17 vittime, 6 femmine e 11 maschi, mentre fra i giovani adulti dai 20 ai 35 anni sono decedute 29 persone, 16 femmine e 13 maschi. Il maggior tributo di vite è appannaggio delle fasce di età più mature: 37 (15 donne e 22 uomini) appartenevano a quella 36-59 anni, e 52, suddivisi a metà fra i due generi, a quella 60-79. Infine sono state 5 le vittime con un’età uguale o superiore agli 80 anni, quattro femmine e un solo maschio.
I dati, divisi per genere (in rosa le femmine, in azzurro i maschi), sono riportati nel grafico che evidenzia come la fascia di età più colpita sia quella tra i 60 e i 79 anni.

Le vittime delle colate rapide del 5 maggio 1998 in Campania
Limitatamente a Sarno, grazie alle varie fonti consultate e alla testimonianza diretta del collega Giuseppe Esposito residente nella cittadina, è stato possibile determinare il luogo esatto, l’ora e la causa di morte di tutte le vittime che vi si sono registrate.
Come si osserva dalla mappa di seguito riportata, dove sono visibili le varie colate e le vie colpite, 53 persone hanno perso la vita lungo viale Margherita, 47 lungo la via Pedagnali, 18 delle quali all’ospedale Villa Malta, 13 in via Casasale, 10 in via Cortedonica, 5 in via Calcare e le restanti sparse in via Vallone Trave (2), via Sarno-Palma (2), via Curti (2) e una rispettivamente in via Sant’Eramo, via San Giovanni, e Via Calabrici.

Le vittime delle colate rapide del 5 maggio 1998 in Campania

Secondo quanto pubblicato alcuni anni dopo l’evento dalla Asl Salerno 1, all’epoca competente per territorio, la principale causa di morte degli abitanti di Episcopio è stata l’asfissia provocata dalle masse di fango, (99 vittime, 72%), seguita dai traumi al capo (25, 18%), dalle lesioni agli organi interni (8, 6%), e dalle gravi mutilazioni (5, 4%).
Per quanto riguarda l’orario, l’infografica relativa alla sequenza temporale degli eventi evidenzia che la maggior parte delle persone, 86, che corrispondono al 63% del totale, sono decedute intorno alla mezzanotte, 44 (32%) alle ore 20, quattro (3%) alle ore 22, e tre (2%) alle 18.

Le vittime delle colate rapide del 5 maggio 1998 in Campania

Dall’analisi a posteriori, quindi, il tempo intercorso tra la prima e l’ultima colata può essere stimato in circa 8 ore. In questo intervallo di tempo, la perdita di vite umane è stata caratterizzata da un aumento progressivo dovuto sia all’incremento della magnitudo dei fenomeni che alla mancata evacuazione delle zone interessate. Nonostante ciò, è bene far presente che il bilancio delle vittime sarebbe potuto essere ancora più grave se, durante la serata del 5 maggio, diversi abitanti delle frazioni di Episcopio e Sant’Eramo non avessero lasciato le rispettive abitazioni di propria iniziativa.
Di seguito l’elenco delle vittime, raggruppate per famiglie ove possibile e suddivise per comune, con l’indicazione del luogo e dell’ora in cui hanno perso la vita. Per alcune di esse si sono aggiunte delle note biografiche e le circostanze in cui è avvenuto il decesso. Per tutte sono specificate le fonti dalle quali le informazioni sono state tratte. In caso di acquisizione di nuove fonti o dati l’elenco verrà di conseguenza aggiornato.
(Elenco al 13 maggio 2021)

VITTIME NEL COMUNE DI SARNO
TRA LE ORE 18 CIRCA E MEZZANOTTE1. Roberto SERAFINO, 9 anni
Via Curti, ore 18
Roberto Serafino è considerata la prima vittima di Sarno. Già in fuga con la mamma, è tornato indietro per prendere un giacchetto ed è rimasto bloccato in casa dalla prima frana. Il padre, che era in un altro punto dell’edificio, non sapendo della presenza del figlio non lo ha cercato ed è riuscito a mettersi in salvo. Il bambino è stato trovato nascosto dietro un armadio.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, pp. 33-40; Insieme, pp. 12-13)

2. Maria Domenica PAPPACENA, 85 anni
Via Curti, ore 18
Invalida civile, è una delle vittime più anziane.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999

3. Ferdinando GIORDANO, 42 anni
Via Sant’Eramo, ore 18
È deceduto dopo aver messo in salvo i figli. In difficoltà lui stesso ha gridato al nipote che lo teneva per mano cercando di trattenerlo «Lassame, o te ne vieni pure tu».
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; Corriere della Sera, 09/5/1998)

4. Dora ROBUSTELLI, 67 anni
Via San Giovanni, ore 20
È stata travolta dal fango in strada mentre cercava di mettersi in salvo da quello che pensava essere un terremoto.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; Il Centro, 7/5/1998)

5. Enzo BARBUTO, 68 anni
6. Rosa NUNZIATA, 65 anni
7. Marcello BARBUTO, 36 anni
8. Aupora BARBUTO, 26 anni
Via Pedagnali, ore 20
Enzo Barbuto è deceduto con la moglie Rosa Nunziata e i figli Marcello e Aupora nel crollo della loro villetta in via Pedagnali 59. (Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

9. Alfonso PELLEGRINO, 68 anni
Via Pedagnali, ore 20
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

10. Carmela GAUDIELLO, 70 anni
Via Pedagnali, ore 20
È deceduta nella sua casa. Il marito Carmine Siano, convalescente a letto, è stato tratto in salvo adagiato su una barella improvvisata con una scala. Carmela, rimasta intrappolata nel fango, è stata in seguito raggiunta da una seconda ondata di fango senza che si riuscisse a liberarla per le continue scariche elettriche, dovute ad un corto circuito, che colpivano i soccorritori non appena tentavano di afferrarla.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; La Repubblica, 9/5/1998)

11. Giuseppe SQUILLANTE, 45 anni
12. Anna Maria DOLGETTA, 41 anni
13. Antonio SQUILLANTE, 13 anni
14. Marianno SQUILLANTE, 12 anni
15. Luca SQUILLANTE, 5 anni
Via Calcare, ore 20
Giuseppe Squillante è deceduto con la moglie Anna Maria Dolgetta e i figli Antonio e Marianno nella loro casa. Con loro ha perso la vita anche il nipote Luca Squillante,.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

16. Michele BELLO, 71 anni
Viale Margherita, ore 20
Michele Bello, rimasto ferito a Sarno è in seguito morto all’ospedale di Nocera Inferiore.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

17. Carolina SIRICA, 57 anni
Viale Margherita, ore 20
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

18. Giuseppe GIUDICE, 64 anni
Viale Margherita, ore 20
Pensionato
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

19. Alfredo ODIERNA, 40 anni
20. Lucia RAINONE, 39 anni
21. Emanuela ODIERNA, 16 anni
22. Agostino ODIERNA, 13 anni
23. Armando ODIERNA, 1 anno
24. Stella ODIERNA, 19 anni
25. Raffaella CIOFFI, 89 anni
Viale Margherita, ore 20
Alfredo Odierna è deceduto nella sua casa insieme ad altri sei congiunti: la moglie Lucia Rainone, i figli Emanuela, Agostino e Armando, la nipote Stella, la sorella Raffaella, con le figlie Maria Rosaria e Colomba Caiazza, e la cognata Raffaella Cioffi, vedova del fratello di Alfredo. Raffaella Cioffi è la vittima più anziana di Sarno.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; Il Mattino, 12/5/1998)

26. Raffaella ODIERNA, 44 anni
27. Colomba CAIAZZA, 18 anni
28. Maria Rosaria CAIAZZA, 13 anni
Viale Margherita, ore 20
Raffaella Odierna è deceduta insieme con le figlie Maria Rosaria e Colomba Caiazza. Si erano rifugiate in casa del fratello di Raffaella, Alfredo.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; Il Mattino, 12/5/1998)

29. Luigi SATURNO, 44 anni
Viale Margherita, ore 20
Elettricista, uscito di casa forse per un appuntamento di lavoro non vi ha fatto più ritorno.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

30. Aristide VIOLANTE, 60 anni
31. Giovanna TROTTA, 58 anni
Viale Margherita, ore 20
I coniugi Aristide Violante e Giovanna Trotta sono deceduti nell’auto sepolta dal fango. Le persone rifugiate sui tetti hanno raccontato di aver lungamente sentito il suono del clacson col quale cercavano disperatamente di chiedere aiuto.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

32. Antonietta POPPA CARBONE, 60 anni
33. Tommaso COSTABILE, 27 anni
34. Rosa Maria MARMO, 26 anni
Viale Margherita, ore 20
Tommaso Costabile, figlio di Antonietta Poppa Carbone, è deceduto in auto mentre accompagnava la fidanzata Rosa Maria Marmo al suo negozio in viale Margherita.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

35. Elio DE VIVO, 66 anni
36. Antonia GIORDANO, 52 anni
37. Gilda DE VIVO, 35 anni
38. Alfonso MANCUSO, 13 anni
39. Nunzia MANCUSO, 5 anni
Viale Margherita, ore 20
Elio de Vivo è deceduto con la moglie Antonia Giordano, la figlia Gilda de Vivo e i nipoti (figli di Gilda) Alfonso e Nunzia
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

40. Ciro CARILLO, 52 anni
41. Antonietta CAMMARANO, 47 anni
42. Giuseppina CARILLO, 23 anni
43. Giuseppina PASCALE, 80 anni
Viale Margherita, ore 20
Ciro Carillo è deceduto con la moglie Antonietta Cammarano, la figlia Giuseppina e la suocera Giuseppina Pascale. Le tre donne sono state ritrovate abbracciate nella cucina della loro casa in viale Margherita 68
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

44. Angelo COSTABILE, 41 anni
45. Arturo COSTABILE, 3 anni
46. Antonio COSTABILE, 3 anni
47. Pasqualino COSTABILE, 2 anni
48. Michele COSTABILE, 1 anno
49. Rosa CORRADO, 67 anni
Viale Margherita, ore 20; Via Pegagnali, ore 24
La casa della famiglia Costabile è stata travolta dalla frana delle 20, la nonna Rosa Corrado e i nipotini Arturo, Antonio e Pasqualino Costabile sono deceduti sul colpo, mentre la mamma e il piccolo Michele Costabile sono rimasti feriti. La madre e il bambino sono stati trasportati a Villa Malta. In seguito la donna è stata trasferita altrove, mentre il bambino è rimasto nell’ospedale dove è rimasto ucciso insieme al padre dalla frana delle ore 24. Il piccolo è stato ritrovato tra le braccia del dottor Marino.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

50. Gaetano ROBUSTELLI, 58 anni
51. Filomena ROBUSTELLI, 55 anni
Viale Margherita, ore 22
Gaetano Robustelli è deceduto in strada insieme con la sorella Filomena. Sono il padre e la zia di Roberto, trovato in vita dopo 72 ore.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

52. Vincenzo ZUCCARETTI, 78 anni
53. Virgilia BUONAIUTO, 74 anni
Via Sarno-Palma, ore 22
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

54. Rosa Nunziata TALIA, 65 anni
55. Dora SQUITIERI, 32 anni
Viale Margherita, ore 24
Rosa Nunziata Talia è deceduta con la figlia Dora Squitieri nella casa di Raffaele Catalano dove avevano cercato rifugio.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

56. Lucia CORRADO, 27 anni
57. Francesca CRISCUOLO, 1 anni
58. Stefania CRISCUOLO, 3 mesi
59. Francesca SIANO, 61 anni
Viale Margherita, ore 24.
Dopo la prima frana, Francesco Criscuolo, marito di Lucia, ha portato la moglie, le 2 figlie Francesca e Stefania, e mamma Francesca Siano, a casa del dottor Raffaele Catalano in viale Margherita 76, diversi chilometri più a valle della sua, ritenendola più sicura. Mentre si era allontanato per andare a prendere il suocero, la frana di mezzanotte ha travolto casa Catalano, uccidendo tutti quelli che vi si trovavano. Nonna, mamma e figliolette sono state schiacciate contro il soffitto dal fango. Casa Criscuolo invece è stata risparmiata. Stefania è la vittima più giovane di Sarno.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; L’Unità, 8/5/98)

60. Raffaele CATALANO, 72 anni
61. Maria CRISTIANI, 66 anni
Viale Margherita, ore 24.
Il dottor Raffaele Catalano era responsabile diocesano Caritas per gli anziani, è deceduto insieme con la moglie Maria Cristiani, ostetrica. Nella loro casa di viale Margherita 76 avevano ospitato quattro componenti della famiglia Criscuolo-Corrado, Rosa Nunziata Talia e Dora Squitieri, madre e figlia, che hanno perso la vita con loro
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; L’Unità, 8/5/98)

62. Giovanna PELUSO, 42 anni
63. Rosario GALLUZZO, 19 anni
64. Carmela GALLUZZO, 15 anni
65. Agostino GALLUZZO, 9 anni
66. Giuseppe PELUSO, 69 anni
67. Nunziata ALBERO, 66 anni
Viale Margherita, ore 24
Giovanna Peluso è deceduta nella sua casa insieme ai figli Rosario, Carmela e Agostino, ed i genitori Giuseppe e Nunziata Albero. Quella sera insieme a loro si trovavano i componenti di altre due famiglie. Una era quella della sorella di Giovanna, Maria con i due figli Giovanni e Franco Criscuolo, per un totale di 18 persone. Unico sopravvissuto del nucleo familiare il marito di Giovanna, Salvatore Galluzzo, che al momento della frana era sceso in strada per portare un caffè al vigile del fuoco Marco Mattiucci.
(Farina e Gramigna, 1998, Iacovino, 1999, Marciano, 1999; Insieme, pp. 10-11)

68. Maria PELUSO, 36 anni
69. Giovanni CRISCUOLO, 14 anni
70. Franco CRISCUOLO, 8 anni
Viale Margherita, ore 24
Maria Peluso è deceduta con i figli Giovanni e Franco Criscuolo a casa della sorella Giovanna.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; Insieme, pp. 10-11)

71. Maurizio DONNARUMMA, 20 anni
Viale Margherita, ore 24
Maurizio Donnarumma, deceduto per strada mentre tentava di mettersi in salvo, forse rifugiandosi in casa di Giovanna Peluso.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

72. Marco MATTIUCCI, 30 anni
Viale Margherita, ore 24
Marco Mattiucci era un vigile del fuoco assegnato a Salerno da appena 3 giorni. È stato trascinato via dal fango con il suo mezzo mentre Salvatore Galluzzo gli stava porgendo un caffè. Ritrovato in vita è deceduto in seguito in un ospedale di Napoli.
Nel 1999 è stato insignito con la medaglia d’oro al valor civile. Molte le iniziative per onorarne la memoria: il comune di Sarno gli ha dedicato il Centro polifunzionale della Protezione Civile, la città di Salerno gli ha intitolato una strada e un ponte, e il Corpo dei Vigili del Fuoco gli ha intitolato la caserma di Salerno.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; Insieme, pp. 10-11; https://www.quirinale.it/onorificenze/insigniti/3804 (Ultimo accesso maggio 2021); https://it.wikipedia.org/wiki/Marco_Mattiucci (ultimo accesso aprile 2021)

73. Carolina VANGONE, 44 anni
Via Pedagnali, ore 24
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

74. Caterina BARALE, 66 anni
75. Annamaria ANNUNZIATA, 36 anni
76. Nunziatina ANNUNZIATA, 33 anni
Via Pedagnali, ore 24
Le sorelle Annamaria e Nunziatina Annunziata sono decedute con la madre Caterina Barale a causa del crollo della loro casa in via Pedagnali 58.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

77. Carmela DE FILIPPO, 71 anni
78. Eduardo AUFIERO, 11 anni
Via Pedagnali, ore 24
Eduardo, dopo molte insistenze, era riuscito a farsi portare a casa della nonna paterna Carmela de Filippo per vedere la frana, ed è rimasto ucciso con lei in casa dei vicini dove si erano rifugiati. La casa della nonna è rimasta intatta.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

79. Maria Gaetana MONTEDORO, 85 anni
Via Pedagnali, ore 24
È una delle vittime più anziane.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

80. Mariano RUSSO, 60 anni
Via Pedagnali, ore 24
Imprenditore edile, abitava nei pressi del Ponticino che passa su uno dei canali percorsi dal fango
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

81. Aurelio MILONE, 48 anni
82. Gaetano MILONE, 19 anni
83. Gaetano MILONE, 53 anni
Via Pedagnali, ore 24
Aurelio Milone è deceduto nel cortile di casa in via Pedagnali 38 dove si trovava col figlio Gaetano e il cugino, omonimo del figlio. La moglie si è salvata perché era salita in casa a prendere il soprabito del marito ed è in seguito sopravvissuta al crollo dell’edificio. (Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999, Corriere dell’Umbria, 7/5/1998)

84. Antonio MILONE, 70 anni
85. Michelina SANTELLA, 70 anni
86. Milone GIOVANNA, anni 42
87. Luigi SAVINO, anni 53
88. Felice SAVINO 17 anni
89. Assunta SAVINO, 51 anni
Via Pedagnali, ore 24
Antonio Milone e sua moglie Michelina Santella sono morti cercando di mettersi in salvo insieme con la figlia Giovanna, il marito di questa, Luigi Savino, il loro figlio Felice e la sorella di Luigi, Assunta. La figlia Carmela e il fidanzato si sono salvati rifugiandosi in un edificio che ha retto l’impatto col fango.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

90. Amato MANZO, 67 anni
91. Filomena MANZO, 34 anni
92. Giuseppina SQUITIERI, 9 anni
Via Pedagnali, ore 24
Amato Manzo è deceduto con la figlia Filomena e la nipote Giuseppina Squitieri nella loro casa. Il padre di Giuseppina, Marcello, si è salvato perché assente.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

93. Giuseppe PINTO, 77 anni
94. Amelia PACIULLO, 76 anni
Via Pedagnali, ore 24
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

95. Lorenzo PICARDI, 51 anni
Via Pedagnali, ore 24
Non era residente ad Episcopio, ma vi si era recato con la figlia per visitare la madre. Rimasto bloccato per la chiusura delle strade è deceduto sotto gli occhi della figlia, attardandosi a chiudere casa dopo aver aiutato la madre e la zia a scappare.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; http://www.sarnonotizie.it/sarno-5-maggio-1998-la-tragedia-le-lacrime-i-racconti/ (ultimo accesso aprile 2021)

96. Angelo GAUDIELLO, 29 anni
97. Anna MALINCONICO, 24 anni
98. Aurelio GAUDIELLO, 8 mesi
Via Pedagnali, ore 24
Angelo Gaudiello è deceduto a Villa Malta, abbracciato alla moglie Anna Malinconico e al figlioletto Aurelio.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; Il Mattino, 16/5/1998)

99. Antonio ANNUNZIATA, 24 anni
Via Pedagnali, ore 24
È morto a Villa Malta dove si era recato con l’amico Raffaele Cuoco per cercare di aiutare ad evacuare i pazienti.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

100. Raffaele CUOCO, 22 anni
Via Pedagnali, ore 24
È deceduto a Villa Malta dove si era recato con l’amico Antonio Annunziata per cercare di aiutare ad evacuare i pazienti.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

101. Vincenzo DI MARO, 39 anni
Via Pedagnali, ore 24
Medico a Villa Malta, è stato trovato che teneva ancora due persone per mano. È stato insignito della medaglia d’oro al valor civile perché nonostante fosse terminato il proprio turno di lavoro era rimasto in servizio per soccorrere i feriti. Per il suo sacrificio gli è stata dedicata una via di Napoli, città natale.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; https://www.quirinale.it/onorificenze/insigniti/3722 (Ultimo accesso maggio 2021; https://www.insiemenews.it/2021/04/25/una-strada-per-ricordare-il-dottor-di-maro-sarno-frana-napoli-antifascismo (ultimo accesso maggio 2021)

102. Maurizio MARINO, 42 anni
Via Pedagnali, ore 24
Medico a Villa Malta, è stato trovato con in braccio il piccolo Michele Costabile. È stato insignito della medaglia d’oro al valor civile perché era rientrato in servizio per poter soccorrere il bambino gravemente ferito. La città di Nocera Inferiore ha dedicato a lui e al concittadino Enrico Battipaglia, infermiere nel nosocomio, il piazzale antistante l’ospedale e un monumento nel cimitero cittadino.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; https://www.quirinale.it/onorificenze/insigniti/3808 (Ultimo accesso maggio 2021)

103. Aldo AMATRUDA, 48 anni
Via Pedagnali, ore 24
È deceduto a Villa Malta dove era infermiere. È stato insignito della medaglia d’oro al valor civile perché nonostante fosse terminato il proprio turno di lavoro, era rimasto in servizio per soccorrere i feriti.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; https://www.quirinale.it/onorificenze/insigniti/3802 (ultimo accesso maggio 2021)

104. Enrico BATTIPAGLIA, 36 anni
Via Pedagnali, ore 24
Enrico Battipaglia, infermiere a Villa Malta, deceduto nel crollo della scala interna mentre tentava di mettersi in salvo con un collega. È stato insignito della medaglia d’oro al valor civile perché nonostante fosse terminato il proprio turno di lavoro, era rimasto in servizio per soccorrere i feriti. Inoltre la città di Nocera Inferiore ha dedicato a lui e al concittadino dottor Maurizio Marino il piazzale antistante l’ospedale e un monumento nel cimitero cittadino.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; https://www.quirinale.it/onorificenze/insigniti/3707 (Ultimo accesso maggio 2021)

105. Pietro SIRICA, 33 anni
Via Pedagnali, ore 24
È morto a Villa Malta dove era infermiere. È stato insignito della medaglia d’oro al valor civile perché nonostante fosse terminato il proprio turno di lavoro, era rimasto in servizio per soccorrere i feriti
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; https://www.quirinale.it/onorificenze/insigniti/3682 (ultimo accesso maggio 2021)

106. Saverio RUSSO, 64 anni
Via Pedagnali, ore 24
È morto a Villa Malta dove era portiere lasciando 11 figli. È stato insignito della medaglia d’oro al valor civile perché nonostante fosse terminato il proprio turno di lavoro, era rimasto in servizio per mantenere i contatti telefonici coi soccorritori.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; https://www.quirinale.it/onorificenze/insigniti/3715 (Ultimo accesso maggio 2021)

107. Giuseppe CONTINO, 48 anni
Via Pedagnali, ore 24
Degente a Villa Malta, è morto nel crollo della scala interna.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

108. Rocco MIGLIARO, 29 anni
Via Pedagnali, ore 24
È morto a Villa Malta dove era ricoverato.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

109. Giovanni ROSSI, 65 anni
Via Pedagnali, ore 24
È morto a Villa Malta dove era ricoverato.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

110. Giuseppe VECCHIONE, 65 anni
Via Pedagnali, ore 24
È morto a Villa Malta dove era ricoverato.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

111. Giuseppe TERRACCIANO, 62 anni
Via Pedagnali, ore 24
Venditore ambulante, è morto a Villa Malta dove era ricoverato.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

112. Adolfo MILONE, 65 anni
113. Rosa NAPOLITANO, 61 anni
114. Maria Luisa MILONE, 36 anni
115. Italo SCOPPETTA, 7 anni
Via Casasale, ore 24
Adolfo Milone è deceduto tentando di mettersi in salvo con la moglie Rosa Napolitano, la figlia Maria Luisa e il nipote di quest’ultima Italo Scoppetta (figlio del cognato). I due coniugi furono gli ultimi a essere ritrovati.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

116. Antonio SORIENTE, 28 anni
117. Giuseppina D’ANGELO, 26 anni
118. Elvira SORIENTE, 7 anni
Via Casasale, ore 24
Antonio Soriente è deceduto con la moglie Giuseppina d’Angelo e la figlia Elvira nella loro casa.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

119. Giuseppe SIRICA, 80 anni
120. Carolina ORZA, 73 anni
Via Casasale, ore 24
I coniugi Giuseppe Sirica e Carolina Orza, invalida, sono morti nella loro casa.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

121. Speranza MOLISSE, 76 anni
Via Casasale, ore 24
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

122. Antonio COPPOLA, 76 anni
Via Casasale, ore 24
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

123. Antonio PELUSO, 23 anni
Via Casasale, ore 24
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

124. Michele VITOLO, 70 anni
Via Casasale, ore 24
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

125. Natale FUSCO, 72 anni
126. Emilia ADILETTA, 70 anni
127. Filomena ALBANO, 31 anni
128. Natale FUSCO, 12 anni
129. Emilio FUSCO, 10 anni
Via Cortedonica, ore 24
Natale Fusco è deceduto con la moglie Emilia Adiletta, la nuora Filomena Albano e i due nipoti Natale ed Emilio nella loro casa. Il marito di Filomena, Michele Fusco, pur gravemente ferito ad un piede si è salvato riuscendo a salire sul tetto della casa e da lì su un grosso albero.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

130. Michele FUSCO, 70 anni
131. Filomena MANCINO, 66 anni
132. Emilia FUSCO, 31 anni
133. Francesco ESPOSITO, 32 anni
134. Carmine ESPOSITO, 5 anni
Via Cortedonica, ore 24
Michele Fusco è deceduto con la moglie Filomena Mancino, la figlia Emilia, il marito di questa Francesco Esposito e il loro figlioletto Carmine.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

135. Carmine VITOLO, 70 anni
136. Celeste FIORENTINO, 71 anni
Via Vallone Trave, ore 24
Carmine Vitolo e la moglie Celeste Fiorentino sono deceduti nel sonno nella loro casa. La signora è stata rinvenuta ancora fra le coperte, mentre il marito è stato trascinato via dal fango.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999; Il Mattino, 16/5/1998)

137. Alfredo DE FILIPPO, 51 anni
Via Calabrici, ore 24
È morto nella sua abitazione, situata in uno degli edifici più prossimi al versante.
(Farina e Gramigna, 1998; Iacovino, 1999; Marciano, 1999)

VITTIME NEL COMUNE DI BRACIGLIANO

ORE 16 CIRCA

138. Emanuela IZZO, 34 anni
139. Luigi LEONE, 11 anni
140. Francesco LEONE, 9 anni
141. Salvatore LEONE, 6 anni
142. Salvatore LEONE, 38 anni
Frazione Casale, ore 16
Emanuela Izzo è deceduta nella sua casa situata proprio sotto la montagna con i figli Luigi, Francesco e Salvatore Leone. Con loro sono deceduti anche il cognato Salvatore, omonimo del figlio minore, e l’amico Antionio Danise i quali si erano recati in aiuto della famiglia. Il marito di Emanuela e padre dei tre bambini, Gerardo Leone, era assente al momento del crollo e si è salvato.
(Farina e Gramigna, 1998; Marciano, 1999)

143. Antonio DANISE, 49 anni
Frazione Casale, ore 16
È stato travolto e ucciso dal fango insieme con la famiglia dell’amico Gerardo Leone alla quale stava cercando di portare soccorso. Ritrovato dopo una settimana nel garage dell’abitazione distrutta, ha lasciato la moglie e tre figli. Recentemente il comune di Bracigliano gli ha intitolato la via dove risiedeva.
(Farina e Gramigna, 1998; Marciano, 1999; http://www.comune.bracigliano.sa.it/bracigliano/GC/GC17/132gm17.pdf (ultimo accesso maggio 2021)

VITTIME NEL COMUNE DI SIANO

TRA LE ORE 17 E 18 CIRCA

144. Ilaria CURIOSO, 18 anni
145. Marianna ESPOSITO, 71 anni
Via Pulcini, ore 17
Ilaria Curioso era a letto con la febbre, in compagnia della nonna Marianna Esposito. Entrambe sono morte nei locali al seminterrato della loro casa. Danila, la sorella minore di Ilaria che si trovava al piano di sopra, è rimasta intrappolata per molte ore nel fango ma si è salvata.
(Farina e Gramigna, 1998; Marciano, 1999; Aliberti, 1998)

146. Rosalba BOTTA, 45 anni
147. Angela BOTTA, 25 anni
Via Pulcini, ore 17
Madre e figlia, Rosalba e Angela di lì a poco si sarebbero trasferite a Bergamo. Angela è stata ritrovata dai Vigili del Fuoco di Roma in una posizione che lasciava intuire un disperato tentativo di fuga.
(Farina e Gramigna, 1998; Marciano, 1999; Aliberti, 1998)

148. Roberto BEVINI, 38 anni
Via Graziano Cerulli, ore 18
Si era messo in salvo con la moglie e i due figli ma è stato travolto dal fango dopo essere tornato indietro per recuperare la sua automobile.
(Farina e Gramigna, 1998; Marciano, 1999; Aliberti, 1998)

VITTIME NEL COMUNE DI QUINDICI

TRA LE ORE 16 E 18 CIRCA

149. Antonietta CALIENDO, 73 anni
150. Giovanna RUGGIERO, 35 anni
Via Fontana, ore 18
Madre e figlia
(Marciano, 1999; Il Tirreno, 10/5/1998)

151. Guerino SCAFURO, 78 anni
152. Carmela RUSSO,77 anni
Via Casa Manzi, ore 18
Marito e moglie
(Marciano, 1999; TGR Campania, 6/5/1998)

153. Marilena CASU, 34 anni
Originaria di Sassari, era un agente di Polizia in servizio presso il Commissariato di San Giuseppe Vesuviano. È deceduta nella sua casa dove si trovava con il marito e i due figli che si sono salvati.
Via Casa Manzi, ore 16
(Marciano, 1999; https://www.irpinianews.it/quindici-undici-anni-dopo-la-ferita-della-frana-e-di-chi-non-ce/ (ultimo accesso aprile 2021); La Repubblica, 7/5/1998)

154. Raimondo LADU, 37 anni
Via Casa Manzi, ore 18
(Marciano, 1999)

155. Carmine MAROTTA, 55 anni
Via Casa Manzi, ore 18
(Marciano, 1999)

156. Olga SANTANIELLO, 66 anni
Via Fontana, ore 16
Era la farmacista del paese. Negli anni Ottanta aveva condotto una battaglia contro la camorra ed era stata eletta sindaco dopo lo scioglimento del consiglio comunale. È deceduta nella sua farmacia insieme alla consuocera Esterina Mercolino.
(Marciano, 1999; Il Tirreno, 10/5/1998; La Repubblica, 7/5/1998)

157. Esterina MERCOLINO, 64
Via Fontana, ore 16
Pensionata, è deceduta nella farmacia della consuocera Olga Santaniello.
(Marciano, 1999; La Repubblica, 7/5/1998)

158. Ermelindo RUSSO, 76 anni
Via Casa Trione, ore 16
(Marciano, 1999)

159. Paolo Tullio AVELLI, 29 anni
Piazza Municipio, ore 16
Era il figlio del tabaccaio del paese. È stato travolto dalla colata mentre chiudeva il negozio.
(Marciano, 1999; La Repubblica, 7/5/1998)

VITTIME NEL COMUNE DI SAN FELICE A CANCELLO

ORE 17.30 CIRCA

160. Antonietta PASSARIELLO, 72 anni
Frazione Ponti Rossi, ore 17.30
Morta nella sua casa travolta dal fango
(La Repubblica, 6/5/1998; Magliocca, 1998)

Ringraziamenti:
Per i dati relativi al Comune di Siano si ringrazia l’Associazione di Volontariato “Pubblica Assistenza Croce Azzurra” di Siano, intervenuta nelle operazioni di soccorso alla popolazione.

Fonti:
Francesco Aliberti, 1998. Siano: cronaca di una tragedia. Lavello: Alfagrafica Volonnino, 1998
Diocesi Nocera-Sarno, Caritas diocesana. Nicla Iacovino (a cura di), 1999. Non solo fango: Sarno dopo l’alluvione. Associazione Arché, 1999, pp. 42-67.
Michele Farina e Agostino Gramigna, Ti ricordi di Sarno? In: Sette, il settimanale del Corriere della Sera, n. 26/1998, pp. 34-46.
Insieme. Mensile di attualità e cultura dell’Agro. Diocesi Nocera-Sarno, a. 13. n. 5, maggio 2018, pp. 10-14.
Felice Marciano: Il monte Saro e il fiume Sarno: alluvioni a confronto (dal ‘700 a oggi), Poggiomarino, Il Graffio, pp. 33-40.
Giuseppe Magliocca: Focus su San Felice a Cancello. In: Fuori dal Coro, a. 4, n. 1, maggio 2018, pp. 11-12.

http://www.aslsalernouno.it/Web2/cause_di_morte_frana_sarno_05.htmrl (ultimo accesso maggio 2005)
Canale Youtube di Massimiliano Greco – Le vittime del 05 maggio del 1998 (ultimo accesso maggio 2021)

Comments are closed.

« »