Il rischio geo-idrologico in Italia

on gennaio 2 | in focus | by | with No Comments

Questa sezione  è dedicata ad approfondimenti sul tema del rischio geo-idrologico (da frana e da inondazione) in Italia. In questo numero presentiamo il Rapporto Periodico sul Rischio posto alla Popolazione italiana da Frane e Inondazioni, e il sito polaris.irpi.cnr.it In Italia, ogni anno le frane e le inondazioni causano danni alla popolazione. L’anno 2013 non fa eccezione: dal 1 gennaio al 31 dicembre tali eventi hanno complessivamente prodotto 26 morti, 1 disperso e 563 feriti. Le persone che hanno dovuto abbandonare temporaneamente le loro case sono state più di 5300. Da oltre vent’anni, nel tentativo di contribuire a valutare il grado di rischio geoidrologico per la popolazione, raccogliamo dati e informazioni storiche su frane, inondazioni e altri fenomeni naturali che hanno provocato danni diretti alla popolazione (morti, dispersi, feriti, sfollati, senzatetto). L’attività è cominciata nell’ambito del Progetto Speciale AVI – Aree Vulnerate Italiane, commissionato nel 1989 dal Dipartimento della Protezione Civile al Gruppo Nazionale per la Difesa dalle Catastrofi Idrogeologiche del CNR, allo scopo di realizzare un censimento delle aree colpite da frane e da inondazioni in Italia. La ricerca, l’aggiornamento e l’analisi delle notizie storiche continuano con attività svolte dall’Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica come Centro di Competenza del Dipartimento della Protezione Civile. Nel 2003 abbiamo pubblicato una carta sinottica delle aree colpite da frane da inondazioni con conseguenze per la popolazione. La mappa riporta la localizzazione geografica di oltre 4500 eventi di frana e inondazione e di valanghe nel periodo compreso fra il 1279 e il 2002. La mappa è disponibile su geomorphology.irpi.cnr.it.
Nel 2010, abbiamo pubblicato nella rivista scientifica Natural Hazards and Earth System Sciences il lavoro Societal landslide and flood risk in Italy che analizza i livelli di rischio sociale da frana e da inondazione in Italia e nelle venti Regioni. La pubblicazione è disponibile su nat-hazards-earth-syst-sci.net

Distribuzione geografica delle località con eventi di frana
con danni alla popolazione nel periodo 650-2008

focus-landslide

Distribuzione geografica delle località con eventi di inondazione
con danni alla popolazione nel periodo 590-2008

focus-flood

Nel corso degli anni, e più frequentemente a seguito di eventi calamitosi, abbiamo ricevuto richieste di notizie, dati e informazioni sulle frane e le inondazioni, e sul loro impatto sulla popolazione. Le richieste sono pervenute prevalentemente dai media, da amministratori nazionali, regionali e locali, ma anche da singoli cittadini. Il sito polaris.irpi.cnr.it e il Rapporto Periodico sono pensati per soddisfare molte delle richieste ricevute, e certamente quelle più comuni. È nostra intenzione aggiornare semestralmente il Rapporto Periodico, e più di frequente se sarà necessario. Aggiorneremo costantemente il sito polaris.irpi.cnr.it con le informazioni che riusciremo a trovare su frane e inondazioni con conseguenze per la popolazione, e con le valutazioni che continueremo a fare sul grado di rischio geo-idrologico per la popolazione in Italia. Il sito contiene una sezione blog per segnalare notizie. Le notizie segnalate saranno verificate e, se ritenute utili e attendibili, saranno inserite nei nostri cataloghi e pubblicate nel sito e nei successivi rapporti periodici. I dati utilizzati per realizzare il sito polaris.irpi.cnr.it e per redigere il Rapporto Periodico, ed in particolare i dati contenuti nel catalogo degli eventi di frana e di inondazione con conseguenze per la popolazione, non sono disponibili per la distribuzione.

Immagine in evidenza tratta dall’album di bass_nroll, Flickr.com


Lascia un commento

Lasciate un commento, un informazione utile.
Comunicateci se, testimoni di un evento, disponete di materiale fotografico o riprese video che volete condividere.
Le notizie e il materiale che ci invierete saranno verificati e, se ritenuti utili e attendibili, pubblicati dalla nostra redazione.


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »